Bonsai di Pino Thumbergi

900,00

Bonsai di Pino Thumbergi

Esaurito

Descrizione

***************************************************************************

Contattare il centro per conoscere la disponibilità di questo articolo

***************************************************************************

Altezza 52 cm
Larghezza chioma 62 cm
Larghezza base 16 cm
vaso 33 cm

Si tratta di una pianta molto longeva che ha dimostrato di poter vivere, coltivata come bonsai, per centinaia di anni. Per molti appassionati ha costituito sicuramente il primo approccio all’arte bonsai. Sono diversi gli stili indicati per i Pini: bunjin, eretto formale e informale, inclinato, semi-cascata e cascata; si adatta comunque anche ad altre forme, che però a volte possono apparire meno naturali. Invecchiando, le peculiarità di questa pianta si accentuano: la corteccia fessurandosi, diventa sempre più interessante, la vegetazione si arricchisce definendo splendidi palchi, ecc.
Sono circa una settantina le specie facenti parte del genere Pinus, appartenente alla famiglia delle Pinaceae, a cui si ascrivono anche l’Abete, “la Picea” e il Larice. Si tratta della famiglia di conifere più estesa e di maggior importanza economica e forestale. Alcune specie di Pino, in particolar modo il silvestre, da tempo antichissimo sono splendide abitatrici dei monti e delle valli del nostro Paese e più in generale di tutta Europa. Il nome latino Pinus deriva dal celtico pin (montagna, roccia), in considerazione della capacità di questa specie di vivere in terreni pietrosi. Fin dalla mitologia greca il Pino ha avuto grande risalto e ne è stato ampiamente sfruttato il simbolismo ed il nome è rientrato spesso nelle citazioni poetiche di Ovidio, Virgilio, Plinio, Orazio, ritenendolo sovente un albero sacro. L’ampia distribuzione geografica di queste piante sempreverdi le vede rappresentate in regioni molto differenti, anche se la concentrazione più importante si rileva nella fascia a clima temperato o temperato-freddo dell’emisfero boreale, arrivando a superare il circolo polare artico a nord e le zone subtropicali a sud. Morfologicamente si tratta di piante arboree sempreverdi. Nella prima fase del loro sviluppo sono caratterizzate da una bella forma piramidale, differenziando poi gradualmente parecchie impalcature: invecchiando mutano la propria sagoma da piramidale in figure più aperte e globose. Col tempo la corteccia della maggior parte delle specie si ispessisce e si fessura più o meno profondamente. Hanno foglie aciculari, perenni, che germogliano da piccoli fascetti (brachiblasti); essendo monoiche gli strobili femminili e maschili sono presenti sulla stessa pianta. Il frutto è denominato cono e maturando si schiude lasciando fuoriuscire semi alati, a coppie su ciascuna scaglia, protetti da una squama molto lignificata. Tra l’impollinazione e la fecondazione può passare anche un anno, mentre la maturazione dei semi richiede come minimo due anni.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.